sabato 19 luglio 2014

New in my closet # 14 || Top e mini dress in pizzo!

Credo di avere una dipendenza. Folle. Un'altra, direbbe qualcuno.
Ma sono fatta così, anzi credo che noi donne siamo fatte così. Basta un nulla per far scattare in noi quel colpo di fulmine che ci farà amare visceralmente una determinata cosa, decretando così l'inizio della fine.
E' così per le borse e aggiungerei pure per le scarpe - alzi la mano chi non è affetta da questo disturbo compulsivo - ed ora anche per il pizzo in ogni sua forma.

Vado letteralmente in brodo di giuggiole - esiste questo termine? - appena vedo qualsiasi cosa sia in pizzo o macramè e sono assalita da un istinto compulsivo di acquisto folle. Così giusto per non sbagliare, ecco due new entries nel mio guardaroba. In pizzo ovviamente. Bianco possibilmente.

Ditemi che non sono la sola e ditemi se esiste una cura.

Ho preso un top e un vestitino da Oasap.
Il top è disponibile in taglia unica e secondo me veste tranquillamente anche una L, infatti mi sta un po' largo ma l'effetto non mi dispiace. Ne ho visto uno simile anche da H&M.


Il vestito è molto carino, classica forma a trapezio, è dotato anche di una sottoveste per non risultare trasparente. Come sempre ho preso una M perché di solito vestono una taglia in meno. Dico di solito perché in questo caso avrei dovuto prendere addirittura una XS  perché è troppo grande per me, veste una L.
A parte questo piccolo dettaglio il vestito è davvero carino ma devo  farlo stringere.



 E voi amate il pizzo come la sottoscritta? 


Followe me to:

 


venerdì 18 luglio 2014

Dolcevita Green - La linea di cosmetici professionali disponibili da EBrand [review in pillole]


Tempo fa vi ho mostrato alcune delle novità beauty che sono entrate nella mia routine quotidiana.
Oggi vi parlo del mini kit Dolcevita ricevuta da Ebrand.

Dolcevita Green è una linea di cosmetici  professionali made in Italy a base di ingredienti naturali senza paraffina né parabeni, arricchiti con olii pregiati, per la cura del viso e del corpo. Si tratta di prodotti pensati appositamente per esperti del settore estetico e per uso professionale.

Ho potuto provare un mini kit, composto da minitaglie - perfette da portare con sé  per piccoli spostamenti, quindi vi potrò raccontare solo le mie prime impressioni.

La crema viso idratante contiene un mix di sostanze umettanti che costituiscono un sostituto naturale del fattore di idratazione della nostra pelle aiutandola a reidratarla e soprattutto a rigenerarla.
E' venduta nel formato da 50 ml a 7,79€.

Come vi dicevo avendo provato una minitaglia posso solo dirvi che ne va applicata una piccola noce e si assorbe abbastanza velocemente anche se avete la pelle a tendenza grassa come la mia. Ha una profumazione molto delicata e non unge troppo la pelle.
Una volta stesa la sensazione è di avere la pelle molto morbida e idratata ma credo che questo possa dipendere anche dalla presenza del dimethicone.
Ad ogni modo vi lascio l'inci per visionarlo.

INGREDIENTI / INCI: Aqua, Dicaprylyl ether, Ethylhexyl palmitate, Cetearyl alcohol, Cetyl palmitate, Glycerin, Glyceryl stearate, Cetearyl glucoside, Dimethicone, Myristyl myristate, Sodium stearoyl lactylate, Phenoxyethanol, Glucose, Sorbitol, Sodium glutamate, Urea, Parfum, Ethylhexylglycerin, Pentaerythrityl tetra-di-t-butyl hydroxyhydrocinnamate, Glycine, Hydrolyzed wheat protein, Lactic acid, Sodium PCA, Ceratonia siliqua gum, Panthenol, Limonene, Citronellol.


La crema mani e unghie idratante alla keratina è forse il prodotto che più mi è piaciuto (anche perché lo sto potendo usare più degli altri). La crema è di colore rosa (già solo per questo potrei amarla) e anche questa ha una profumazione molto delicata. Ne basta una piccolissima dose per idratare a fondo le mani. Io la applico soprattutto nel giro cuticole per idratare le mie unghie e già dopo pochi utilizzi mi sembra di aver notato dei miglioramenti.
Flacone da 500 ml - 10,02€

INGREDIENTI / INCI: Ingredients: Aqua, Prunus amygdalus dulcis oil, Cetearyl alcohol, Glycerin, Cera alba, Ceteareth-20, Dimethicone, Phenoxyethanol, Soluble collagen, Cetyl alcohol, Parfum, Disodium EDTA, Sodium dehydroacetate, Ethylhexylglycerin, Hydrolized Keratin, Pentaerythrityl tetra-di-t-butyl hydroxyhydrocinnamate, Capsicum annuum extract, CI 16255, Helianthus annuus seed oil, CI 45430.

L'emulsione idratante post depilazione è il prodotto che più mi ha incuriosito perché spesso ammetto di ricorrere all'uso del rasoio per mancanza di tempo  e per via di alcuni problemini di capillari fragili (lo so, non si fa ma non sempre riusciamo a fare quello che vorremmo e che è più giusto, tipo andare dall'estetista per la classica ceretta)  quindi devo necessariamente coccolare la mia pelle dopo la depilazione.
Questa emulsione è adatta anche ad eliminare i residui della cera grazie al mix di oli presenti. Contiene inoltre estratto di cetriolo che ha funzione rinfrescante e sgonfiante e azulene con funzione anti rossore, lenitiva e decongestionante. Sono riuscita ad utilizzarla solo una volta ma come prima impressione mi è sembrato mi avesse aiutata a lenire un po' l'arrossamento post depilazione.
Flacone 500 ml - 9,19€

INGREDIENTI / INCI: Aqua, Isopropyl myristate, Isopropyl palmitate, Paraffinum liquidum, Cetearyl alcohol, Glycerin, Glyceryl stearate, Ceteareth-3, Hydrogenated vegetable oil, Cucumis sativus juice, Caprylic/capric triglyceride, Dimethicone, Phenoxyethanol, Polysorbate 60, Decyl oleate, Octyldecanol, Menthol, Parfum, Allantoin, Sodium lauryl sulfate, Disodium EDTA, Sodium dehydroacetate, Ethylhexylglycerin, Ozokerite, Pentaerythrityl tetra-di-t-butyl hydroxyhydrocinnamate, Benzyl benzoate, Hexyl cinnamal, Limonene, Linalool, Guaiazulene, Geraniol, Chamomilla recutita oil, CI 42051.


Il crio-gel rinfrescante è uno di quei prodotti che per chi soffre di circolazione come me, potrebbe essere una manna dal cielo. Certo una crema non può fare miracoli ma diciamo che l'effetto freschezza può già essere un aiuto. Grazie al mentolo e agli oli essenziali di menta e eucalipto aiuta a stimolare la circolazione sanguigna e dovrebbe donare una sensazione di benessere alle gambe stanche. Dico dovrebbe perché non sono riuscita a notare questo effetto ma avendo provato solo una minitaglia non so se con un utilizzo prolungato gli effetti si sarebbero notati maggiormente.
Vaso da 500 ml - 10,29€

INGREDIENTI / INCI: Aqua, Glycerin, Acrylates copolymer, Coceth-7, PPG-1-PEG-9 lauryl glycol ether, Mentha piperita oil, Menthol, Phenoxyethanol, PEG-40 hydrogenated castor oil, Sodium hydroxide, Eucalyptus globulus leaf oil, Ethylhexylglycerin, Limonene, CI 19140, CI 42051.


Infine ho provato pure la crema massaggio drenante freschezza marina. E' indicata per i trattamenti da istituto riducenti, drenanti e rassodanti dove già una fetta di lavoro è data dal massaggio. E' arricchita dagli estratti di Quercia marina,  Ippocastano e Centella asiatica che hanno un potere drenate e anti cellulite.
Se sia davvero efficace questo non saprei dirvelo perché sono riuscita a fare solo un'applicazione. Sicuramente si stende facilmente e si assorbe anche abbastanza in fretta e lascia la pelle morbida e compatta.
Vaso da 500 ml - 10,40€

INGREDIENTI / INCI: Aqua, Ethylhexyl stearate, Cetearyl alcohol, Ethylhexyl palmitate, Glycerin, Ceteareth-3, Hydrogenated vegetable oil, Caprylic/capric triglyceride, Dimethicone, Prunus amygdalus dulcis oil, Polysorbate 60, Phenoxyethanol, Parfum, Sodium lauryl sulfate, Fucus vesiculosus extract, Disodium EDTA, Sodium dehydroacetate, Ethylhexylglycerin, Pentaerythrityl tetra-di-t-butyl hydroxyhydrocinnamate, Aesculus hippocastanum seed extract, Centella asiatica leaf extract, Limonene, Butylphenyl methylpropional, Hexyl cinnamal, Linalool, Citronellol, Benzyl benzoate, Alpha-isomethyl ionone, CI 42051.

Voi conoscevate questo brand? Cosa ne pensate di questi prodotti?


Followe me to:

 




lunedì 14 luglio 2014

L'Orèal Casting SUNKISS - Schiarire i capelli naturalmente! [Review e Foto del PRIMA e del DOPO ]


Schiarire i capelli naturalmente?
Vi è mai capitato di passare intere giornate al mare sotto il sole e di ritrovarvi con i capelli schiariti e pieni di riflessi dorati? A me sempre. Ricordo che da bambina volevo avere i capelli biondi e ogni volta che andavo al mare, mia madre ne approfittava per farmi provare tutti i rimedi della nonna (birra, camomilla) che diventavano efficaci solo con l’aiuto del sole. Mi sottoponevo a queste “torture” pur di avere quei riflessi tanto agognati e desiderati.

Oggi per fortuna ci sono metodi decisamente più veloci per ottenere lo stesso effetto di capelli “baciati dal sole” con la differenza che a decidere intensità e tipologia di effetto luce, siamo noi.
L’Oreal Casting Sunkiss è un gel schiarente senza ammoniaca che gradualmente e delicatamente schiarisce i capelli e che promette di regalare quell’effetto di capelli baciati dal sole.

Caratteristiche:
Il prodotto si presenta come un gel di color bianco latte dal profumo delicato e dolciastro grazie al Ylang Ylang, Vaniglia e Tiarè. Contiene olio di camelia per nutrire ed illuminare i capelli.
Va distribuito sui capelli asciutti e non colorati e si attiva con il calore del phon o del sole. Si può ottenere un effetto graduale effettuando più applicazioni che vanno ripetute a distanza di almeno 4 giorni l’una dall’altra.
E’ necessario applicare il prodotto utilizzando un paio di guanti (non presenti però all’interno della confezione).

Sunkiss è disponibile in 3 nuance:
  1. SUNKISS 01: da castano chiaro a biondo scuro
  2. SUNKISS 02: da biondo scuro a biondo chiaro
  3. SUNKISS 03: da biondo chiaro a biondo chiarissimo 

Applicazione ed esperienza personale:
Come schiarire i capelli. Ho avuto modo di testare Sunkiss 01 e ho potuto appurare personalmente la sua efficacia. Ma vi dirò di più, non l’ho testato solo su di me ma anche su di una cavia molto speciale: mio fratello. Dalla descrizione del prodotto si evince che è consigliato usarlo su capelli non colorati così ho “usato” lui che fortunatamente si è prestato senza troppi problemi (se si dovesse stufare del risultato, può sempre tagliarli e per un uomo è decisamente meno traumatico) ed ho potuto testarlo anche su di me che ho capelli colorati (ultimamente faccio solo delle maschere colorate per coprire i primi capelli bianchi ma hanno ancora dei residui di un trattamento luce che ho fatto mesi fa). E in questo modo ho provato a ricreare effetti diversi:  sulle lunghezze per me per ricreare un effetto sfumato e su tutta la capigliatura per lui per un effetto più omogeneo e naturale.


Vi dico subito che sui capelli naturali l’effetto c’è ed è evidente mentre sui capelli colorati no. Non si rovinano se è quello che temete (per lo meno io non ho avuto alcun  genere di problema) ma su di me l’effetto non è stato così evidente come sui capelli non colorati. Ma si tratta di un’ulteriore prova che ho voluto fare io perché appunto sulla confezione c’è scritto che è solo per capelli non colorati, quindi tenete ben a mente questo dettaglio.

Ma veniamo subito ai risultati ottenuti  su capelli castano scuri dopo 4 applicazioni
Su capelli naturali (non colorati)
Abbiamo applicato il prodotto in maniera uniforme su tutti i capelli e abbiamo sperimentato sia l’attivazione con il phon che sotto il sole. Secondo me il metodo più efficace per schiarire in modo più evidente i capelli è proprio esporsi al sole. Inoltre i primi effetti si sono visti dalla seconda applicazione (con la prima era quasi impercettibile ma ho letto che è normale). Già alla terza applicazione la schiaritura era evidente e alla fine il colore ottenuto è stato un castano chiaro con riflessi sul ramato più che sul dorato. A questo proposito credo che il risultato finale dipenda proprio dalla tipologia dei nostri capelli. Se con l’esposizione al sole notate riflessi dorati allora saranno questi che otterrete con il trattamento; se invece tendete ad avere dei riflessi rosso/ramati è quasi certo che schiarendoli, otterrete proprio questo effetto.

Ecco le foto del prima e del dopo. 




Come si può notare i capelli si sono schiariti e il riflesso ottenuto è un castano leggermente ramato e questo perché noi in famiglia abbiamo tutti dei leggeri riflessi ramati.

Su capelli colorati
Io ho applicato il prodotto solo sulle lunghezze perché volevo ottenere un effetto leggermente sfumato e ho fatto 3 applicazioni. Su di me l’effetto è stato decisamente più blando (come mi aspettavo, anche se in foto sembrano più chiari i miei che quelli di mio fratello. Ma è solo un effetto della luce) ho comunque notato una leggere schiaritura dei capelli.



Si tratta di un prodotto davvero efficace che mantiene le promesse: schiarisce i capelli naturali in modo graduale. Il risultato è modulabile in base all’effetto che si desidera ottenere senza stressare troppo i capelli (non contiene infatti ammoniaca). Non lascia i capelli unti né eccessivamente secchi anzi dopo il suo utilizzo appaiono più lucenti. Comodo e facile da utilizzare è perfetto per ottenere l’effetto capelli “baciati dal sole” tutto l’anno.














Followe me to:

 



*Le stesura di questo articolo è stata sponsorizzata ma non non le opinioni espresse che sono il frutto della mia personale opinione.








sabato 12 luglio 2014

Valeria Orlando, makeup artist e creatrice di V)Or Cosmetics si racconta!


Ho avuto il piacere di poter intervistare e quindi farvi conoscere, una makeup artist di origini catanesi. Lei si chiama Valeria Orlando e oltre ad aver lavorato con fotografi internazionali del calibro di Mario Testino e aver visto i suoi lavori pubblicati nelle riviste più famose come Elle, Vogue, GQ, Esprit ha da poco lanciato una linea di makeup professionale: V)Or Makeup.
Makeup artist, insegnante, imprenditrice, Valeria Orlando è un vulcano di positività e voglia di fare e dalle sue parole si evince quanto grande sia la sua passione e quanto amore ci metta nel fare tutto ciò che fa. E forse è proprio questo la chiave del suo successo!

Ringrazio di cuore Valeria per la disponibilità e spero di poter avere un giorno modo di incontrarla perché da una come lei si può solo imparare. Parola di beauty addicted!


1) Raccontaci un po’ di te. Chi è Valeria Orlando?
 Ciao a tutte e grazie a te Francesca per questa intervista. Preferisco dire ….. dicono di me, non amo 
parlare in prima persona, nonostante io sappia che i miei 23 anni di lavoro risuonino come una ampissima cassa armonica e che all’interno di essa tutte le varie e molteplici ideazioni e progettazioni anche sperimentali in cui mi sono cimentata non solo sono andate a buon fine ma addirittura vengono copiate e seguite da moltissimi miei giovani colleghi. 
Clownville solo per citare il mio lavoro artistico più prestigioso di quest’anno. 
La bellezza aiuterà il mondo a salvarsi”, Oscar Wilde sarebbe stato d’accordo con Valeria Orlando, visagista e make-up artist internazionale nel mondo della moda e della fotografia. Valeria, “reggina” di nascita e catanese di adozione, ha fatto della propria passione creativa un lavoro di successo internazionale. La  bellezza, per Valeria, significa fare le cose con il cuore, con passione….Bellezza non come valore assoluto,  imposto da canoni estranei alla nostra spiritualità, ma bellezza intesa come prerogativa unica e inalienabile,  che appartiene a tutti noi. “Sogno, mi attivo e realizzo”: è con questo ideale che Valeria Orlando porta avanti  da 23 anni la sua carriera.

2) Come e quando nasce la tua passione per il make up
 Non so se sono nata prima io o è nata prima lei, credo sia nata e cresciuta con me dal primo alito di vita. Sono una persona dinamica, gli amici di sempre che mi hanno accompagnata lungo tutto il mio percorso di crescita dicono “Vulcanica”,  “Highlander”. Ho iniziato a truccare e pettinare le bambole, poi le compagne di scuola, poi dopo la maturità classica (avrei preferito all’epoca avere il permesso dai miei genitori di frequentare il Liceo Artistico, ma oggi sono fiera della mia cultura classica, mi ha aiutato tantissimo a dare valore aggiunto alla mia creatività) sono partita per Milano dove ho studiato con il mio più grande maestro Stefano Anselmo, persona meravigliosa ed insegnante straordinario; la mia creatività unitamente alle tecniche e alla teoria studiata con Stefano hanno sicuramente fatto la differenza;la parte umana invece di rispetto e di trasmissione che nutro nel lavoro che faccio è stata supportata dal suo splendido esempio come essere umano.

3)In quasi 25 anni di lavoro, hai collaborato con fotografi internazionali importanti e hai visto i tuoi 
lavori pubblicati su riviste come Elle, Vogue… Qual è la chiave per il successo? 
 Ho sempre pensato ed ancora lo penso “nulla è impossibile”, tra fare e non fare ho sempre scelto di fare, ho osato, avere una faccia tosta come la mia ammetto è stato fondamentale. Essere sempre aggiornata sui trends, studiare, “rubare”con gli occhi tutto quello che è nuovo e cercare di essere al posto giusto nel momento giusto. L’amore, la passione e l’amicizia , alleati del successo si sintetizzano in poche parole: Nascono dallo stesso seme: ''La stima" 
Crescono sotto la stessa luce: "Il rispetto" 
E per vivere hanno bisogno della stessa linfa: "Esserci" 




4) Sei appena tornata dalla Giordania dove hai tenuto un corso di make up. Che consigli ti senti di dare a chi vuole diventare un make up artist professionale come te? 
 L’esperienza in Giordania è stata fantastica, temevo di non riuscire a trasmettere la mia energia in una lingua come l’Inglese che parlo, capisco ma che non avevo sperimentato ancora come docente in un workshop. Invece è stata una conquista quando sulle recensioni uscite, ho scoperto che oltre alle lodi come professionista si poneva l’attenzione sulla mia energia positiva. 
Essere coerenti con i propri obiettivi, avere FEDE in quel che si fa, ascoltare i consigli degli altri ma decidere sempre e solo con la propria testa ed il proprio cuore,specializzarsi in un settore specifico ed integrare man mano senza mettere troppa carne al fuoco è sicuramente il consiglio che mi sento di dare. Lavorando su me stessa,  in tanti anni ho capito che il mio plus valore era l’energia e la positività che emano, oggi chi sceglie la mia figura su un set, piuttosto che per un evento od una formazione, rassicurata dalla professionalità ormai conclamata, mi sceglie per l’attenzione, la positività e l’energia che riesco a trasmettere…un altro appellativo mio? “Trilly” …effettivamente mi sento un po’ così! Mantenere sveglia la parte bambina è importantissimo per un artista. 



5)Credi che in Italia il mercato sia saturo in questo campo o si tratta di una professione in ascesa? 
 Credo che in Italia, qualsiasi cosa sia satura per certi versi!Il nostro “Bel Paese” è stato colpito (ma  prima o poi era giusto che accadesse) dal “qualunquismo”. Oggi invece c’e’ una controtendenza, in alcuni settori la meritocrazia sta venendo fuori. Io di mio ho lavorato sempre duro, quindi i risultati raggiunti sono il frutto del duro lavoro. Ecco perché si dice che i cavalli di razza si vedono sul lungo percorso e di conseguenza credo che anche il lavoro del makeup artist in Italia sia in ascesa, in quanto il mercato della bellezza, del wellness e di tutti i settori che puntano al benessere sia il settore che avrà meno problemi nel futuro ma bisogna essere “straordinari e costanti” per godere dei risultati: formazione, passione ed etica morale “ sono le tre qualità del futuro! 

6) Hai viaggiato molto per lavoro e hai vissuto in diverse città del mondo. Qual è quella che porti 
maggiormente nel cuore e quella che ti ha “insegnato” di più? 
 “Saudade, saudade, saudade”. Il Brasile è il luogo dove so già che un giorno andrò a vivere. La sento molto vicina alla mia Sicilia, la gente ed il suo modus operandi, il calore e l’umanità che ho vissuto nei quattro anni dove ho fatto di Sao Paolo e Rio De Janeiro la mia base, mi hanno fatto capire cosa significhi per un brasiliano la saudade. La città invece che mi ha insegnato di più è sicuramente l ‘Inghilterra, Londra è una fucina costante di cambiamenti, se sei una “spugna”come me, solo passeggiare per la città ti rende l’ idea e poi le novità e la creatività che vivi in quella città non la vivi da nessun altra parte, se non andando oltre oceano…New York is the same! 


7)Da poco ti sei lanciata in una nuova avventura creando la tua prima linea di makeup: V)or Make Up.  Raccontaci un po’ come nasce una linea di cosmetici e qual è stata la sfida più difficile da superare. 
 V)or Makeup nasce 5 anni fa , ci tengo ad aggiungere la parentesi che identifica il mio brand, molti  confondono quella parentesi con una i , altri la mettono al contrario, ma il marchio è invece V)or, è il mio acronimo separato da una parentesi che è un sorriso, il mio sorriso! Nasce per l’esigenza avuta di snellire il borsone da lavoro, non acquistare più duemila fondotinta diversi per le varie esigenze e poi perché avevo voglia di puntare a qualcosa che fosse la mia estensione. Ho sempre detto che non voglio morire diventando ricca ma lasciando un segno tangibile della mia presenza sulla terra, ho voglia di essere ricordata e spero di farcela! Creare un brand tuo non è cosa facile, per prima cosa devi pagare un chimico, investire di tuo fino a quando non arrivi al prodotto finale che ti soddisfa. Molti mi chiedono “chi si occupa della  produzione?” ed io rispondo “IO” ..e già perché un conto è dare il nome ad un prodotto un conto è farne la produzione indipendente,non  hai idea di quanto impegno maggiore si ha. Io me ne sono resa conto, quando ho iniziato a mostrarlo in giro: invidie, cattiverie, bastoni fra le ruote  ma adesso inizio ad avere qualche soddisfazione, come i primi 5 punti vendita V)or in Italia  aperti e il mercato estero che mi sta premiando.  Il prodotto nasce con una formulazione innovativa, 59% di pigmenti contro la media “mondiale” dei prodotti cosmetici esistenti,circa 30%. Questo garantisce un’ aderenza alla pelle ed una copertura allo stesso tempo eccezionale con pochissimo prodotto! Il fondotinta è il mio cavallo di battaglia, sostengo sia inimitabile al momento;  60% SPF , niente petrolati e siliconi, nessun utilizzo di primer (sono contraria in maniera totale ) solo materie nobili nella lista Inci che significa in termini pratici, rispetto della pelle e costi maggiori di produzione,ma garanzia a lungo termine che non si incorra nel rischio di irrancidimento del prodotto stesso. E’ un prodotto multitasking, ogni elemento è intercambiabile e si può utilizzare in differenti modi, un esempio: le matite V)or possono essere usate in maniera classica oppure riscaldate con un accendino diventano pigmento puro che aderendo alla pelle diventano idrorepellenti e stabili anche nelle zone più grasse del nostro volto, come le palpebre; i fard e gli ombretti sono wet and dry ma la novità è che aggiungendo l’unico Lip Gloss esistente a base di glicerina e non vasellina, (ci tengo a precisare niente siliconi), diventano tutti ombretti e fard in crema. Non amo le costrizioni e sono una persona che ama la libertà ed il gioco,la mia linea è  manifestazione di me e le modelle, le attrici , le donne, le amiche che utilizzano V)or sono parte di me ed io parte di loro.  Poi per finire V)Or sostiene progetti umanitari. Se uno sostiene che bisogna dare per ricevere, deve  essere coerente. L’ anno scorso all’ interno di una manifestazione dove ero stata invitata ,V)or ha sostenuto l’acquisto di una nuova Moc per il reparto pediatrico del Policlinico Umberto I. 
V)or ingloba anche i migliori makeup artist che si formano attraverso i miei corsi e così è nata un agency che permette ai giovani freelance di iniziare a lavorare all’interno del mondo dei set  in maniera professionale,  sostenuti dal nome e dalla garanzia di un’ artista come me che ha sicuramente più contatti delle giovani Mua . Prima ho detto che non bisogna dimenticare la parte bambina e la mia linea è la manifestazione 
mia coerenza.


8) Makeup artist professionale, insegnante ed ora anche ideatrice di una linea tutta tua. Qual è 
l’avventura che ti ha dato maggiori soddisfazioni e perché. 
 Ogni cosa che faccio è parte integrante della mia evoluzione come essere umano in primis, ogni espansione in un mondo nuovo nell’ambito lavorativo mi ha dato e mi continua a dare soddisfazioni. Ho sempre amato la comunicazione con la gente e come dicevo all’ inizio dell’ intervista, la mia faccia tosta mi ha aiutato tantissimo. Quando ho iniziato a lavorare come personal di Donatella Versace, mi sono presentata nell’agenzia milanese senza avere un book all’altezza, ma evidentemente la mia sicurezza nel garantire loro che avevo necessità solo di mostrare il mio talento, è stata la chiave che mi ha permesso di fare il salto di qualità … devo ringraziare Pietro Dominoni e Renato Bernardi per la fiducia riposta in me. 
Tutte le celebrities internazionali che mi sono “passate” sotto le mani lo devo a loro.  La formazione invece ti permette di sentirti - come fu per me Stefano Anselmo - responsabile del cammino professionale di qualcuno, ci vuole amore, rispetto e grande spirito di sacrificio per fare l’ insegnante. La linea di trucco sicuramente dei tre campi è la sfida più grande! Normalmente un’artista non è  anche imprenditore di se stesso, io che amo fare le cose per bene, ho dovuto imparare cosa fosse fare l imprenditore e dopo quattro anni finalmente Vor decolla con cinque punti vendita in Italia e il  mercato estero in espansione. 

9)Qual è la parte del viso a cui dedichi maggiore attenzione e che secondo te è più importante per la riuscita di un buon make up? 
 Adoro gli occhi, sono lo specchio dell anima. La bellezza è una manifestazione di ciò che abbiamo dentro. Per poter essere belli fuori, dobbiamo armonizzare al meglio il nostro Io interiore, non esiste una bellezza assoluta, ognuno di noi porta con sé nella sua immagine il bello ed il brutto, solo che da giovani la bellezza è un valore assoluto, chi con il tempo non impara ad innaffiare le altre parti di noi ,quando la bellezza sfiorisce ,non accetta di sé le parti su cui non ha lavorato e che quindi non conosce, e si sente smarrito ed inaccettato. 
Nel mio lavoro parallelo di Consulente d' Immagine aiuto le donne a stabilire quali sono i valori “armo cromatici” che la caratterizzano, spiego loro quali sono le forme che meglio si adattano ed i colori che saranno sempre gli alleati anche quando la bellezza è in trasformazione. Da poco è uscito il mio libro sulla bellezza edito da Gentletude, ti allego il link, così anche le tue lettrici possono se vogliono scaricarselo. 

http://www.gentle-projects.com/portfolios/gentlebooklets-12/ 
Nel libro è ben chiaro il concetto di bellezza che ormai è la mia regola quando trucco e quando faccio le  consulenze! 


10) Puoi consigliarci i prodotti che secondo te non possono mancare nel beauty case di ogni donna? 
 Il fondotinta adatto per colore e texture, il mascara rigorosamente Black ed un fard per l 'effetto Bonne Mine 

11) Tra corsi di make up on line, tutorial sul web e libri che trattano l’argomento, crediamo di 
conoscere ormai tutti i trucchi del mestiere. E’ così o c’è tanto altro da imparare (oltre a tanta 
pratica)? Come ti rapporti con questi nuovi mezzi di comunicazione? 
 Forse c è anche troppo e la richiesta supera la domanda dei video tutorial e delle vere Fashion Blogger, lo saprai meglio di me. Direi che prima di fidarsi delle info che ci propina il web, dobbiamo sempre avere giudizio e scoprire con il nostro istinto se i siti a cui facciamo riferimento sono seri oppure no… a volte vedo video imbarazzanti, che non hanno né capo né coda! Io ho diversi social aperti, tra il mio lavoro come  professionista e come brand; è molto impegnativo, non riesco infatti da sola a gestire, adesso ho una squadra di persone che mi da una grande mano di aiuto, ma prima di pubblicare qualcosa sono sempre coscienziosa perché mi sto rivolgendo a persone che mi stimano, mi seguono ed anche la mia squadra fa lo stesso.

12)Puoi svelarci un segreto di bellezza? 
 GIVE LOVE FIRST! Il mio motto per essere felici! 

13) Prima di salutarci puoi raccontarci quali sono i tuoi progetti per il futuro? 
 Sto puntando all’espansione del mio brand all’estero, da quando sono ritornata dalla Giordania, ho ricevuto varie proposte e sto mettendo in calendario un 2014/15 veramente intenso. Viaggerò perché devo far conoscere il prodotto, non mancherò agli appuntamenti di rito con il Pret a Porter milanese e mi dedicherò alla formazione delle giovani Mua che mi scrivono con affetto e  che scelgono V)or come esempio di qualità ed eccellenza nel lavoro! 
Grazie Francesca ed un saluto affettuoso alle tue lettrici. 

Grazie di cuore a Valeria Orlando!

Ecco dove potete trovarla:
Official Personal web site: www.valeriaorlando.com
Official Vor Makeup site: www.vormakeup.com




Followe me to:

 



venerdì 11 luglio 2014

Mac Moody Blooms || La nuova collezione in edizione limitata

Moody Blooms è la nuova collezione in edizione limitata di Mac che sarà disponibile da Luglio sino a fine Agosto 2014.
La collezione si compone di ombretti dalle sfumature metalliche e di rossetti da colori intensi quasi un richiamo alle calde tonalità dell'autunno.
Tre sono i fluidline della collezione: l'immancabile black, evergreen e passepartute che non può mancare nelle nostre beauty bag si accompagna ad un caldo color rame e ad un bellissimo prugna metallizzato.
Tra i rossetti e i lipgloss le colorazioni variano dalle delicate e romantiche sfumature del rosa e del fuchsia per arrivare a colori decisamente più strong come il viola scuro e il cioccolato. Colori non per tutte ma decisamente originali.

 Eyeshadow - 18,00€



Fluidline - 18,50€

False Lashes - 24,20€

Powder Blush - 23,00€


Sheen Supreme Lipstick - 20,00€


Sheen Supreme LipGlass Tint - 20,50€


Brush - n 211 - 25,20€ || n 239 - 28,50€





Io mi sono innamorata sia degli eyeliner che dei lipglass tint, voi? Acquisterete qualcosa di questa collezione?



Followe me to: